top of page
  • Immagine del redattoreStudio Progetti Finanziari

Pubblicato il Bando “Fareimpresa”

Sono ammissibili alle agevolazioni i progetti imprenditoriali che abbiano ad oggetto l’avviamento di una nuova attività d’impresa o lo sviluppo di una già esistente.

Giovani di età compresa tra i 18 e i 46 anni non compiuti alla data di presentazione della domanda e/o le donne di qualsiasi età nonché le MPI (micro e piccole imprese) attive da non più di 36 mesi;

Sono ammissibili alle agevolazioni i progetti imprenditoriali relativi alla produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato, della fornitura di servizi alle imprese e alle persone, del commercio di beni e servizi, compreso il franchising, della somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, della ricettività e dei servizi complementari al turismo, delle attività della filiera culturale finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, della realizzazione di prodotti e servizi per l’innovazione sociale.

I progetti imprenditoriali devono prevedere un programma di spesa il cui costo totale complessivo sia compreso tra 50.000,00 e 300.000,00 euro e prevedere una durata non superiore a 24 mesi

Sono ammissibili alle agevolazioni spese relative all’acquisto di beni e servizi rientranti nelle seguenti categorie:

a) Opere edili nel limite massimo del 30% (40% per le sole imprese la cui attività economica ricada nelle categorie ATECO: 55 “Alberghi ed altre strutture simili”, 56.01 “Ristoranti in sede fissa” e 56.03 “Bar”) del totale dei costi ammissibili per il programma di spesa.

Rientrano nella definizione di opere edili anche l’acquisto e l’installazione di infissi ordinari, serramenti, impianti generali civili (idrici, elettrici, fognari e/o di collettamento delle acque meteoriche);

b) macchinari, impianti tecnologici, attrezzature e arredi;

c) programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della telecomunicazione, il cui costo sia complessivamente inferiore al 15% dell’importo totale del programma di spesa;

d) oneri professionali ascrivibili a professioni regolamentate entro il limite massimo del 7% del totale dei costi ammissibili per il programma di spesa.

Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo a fondo perduto, con un’intensità di aiuto fino al 90% del totale delle spese ammissibili.

Tuttavia la posizione di ciascuna istanza in graduatoria sarà determinata dalla percentuale dal seguente rapporto: % cofinanziamento privato/𝑐𝑜𝑠𝑡𝑜 𝑑𝑒𝑙 𝑝𝑟𝑜𝑔𝑟𝑎𝑚𝑚𝑎 𝑑𝑖 𝑖𝑛𝑣𝑒𝑠𝑡𝑖𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜.

Le domande potranno essere presentate, secondo la procedura a sportello, a partire dalle ore 12.00 del 16/01/2024 e sino alle ore 17.00 del 19/02/2024.


17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page